Login



Gruppo_Donatori_Sangue_bavisela_2015_copycause esclusione definitivocause esclusione definitivordona sangue - torna a scuoladonazione 16febb 7dsc_0541foto 111icgeb7image001img_3443img_5091img_5232img_6013img_6683lovat_snicowebtartiniweb

Posizione autoemoteca

Il Pellicano

antepell

Associazione Donatori di Sangue - Trieste

A TUTTI I DONATORI: Il Centro Trasfusionale dell'Ospedale Maggiore di Trieste rende noto che non saranno accettati i donatori che non abbiano con sé CARTA D'IDENTITà, TESSERA SANITARIA e CODICE FISCALE. Quando andate a donare sangue, ricordate di portare i documenti necessari!
 
AVVISO AI DONATORI: Carenza sangue dei gruppi 0- 0+, se siete nei tempi donei da donazione siete invitati a donare: controllate il calendario dell'autoemoteca per donare nel luogo a voi più vicino!

15219655_1746909738963334_7517626182913503312_n.jpg

 

Si segnala la recente pubblicazione da parte dell’European Centre for Disease Prevention and Control (ECDC) del documento “Rapid risk assessment: Outbreak of Rift Valley fever in Niger - Risk for the European Union Outbreak of Rift Valley fever in Niger Risk for the European Union”.

Nel documento è riportata la segnalazione di una attuale epidemia di Febbre della Rift Valley (RFV) in Niger.

La RVF è una malattia infettiva che colpisce i ruminanti e gli esseri umani. La malattia è causata da un virus del genere Phlebovirus, famiglia Bunyaviridae. La principale via di infezione per gli esseri umani è il contatto diretto o indiretto con il sangue di organi di animali infetti durante la cura degli animali o la macellazione o anche mediante ingestione di latte crudo. L'infezione umana può anche derivare da punture di zanzare infette (Aedes, Culex e Anopheles spp). Ad oggi, non vi è alcuna evidenza di trasmissione da uomo a uomo, anche se la trasmissione verticale del virus (madre-neonato) è stata riportata.

 

EMERGENZA ESTIVA Come sottolinea il Centro Nazionale Sangue nel comunicato stampa del 16 giugno 2016, sono oltre 1.700.000 i donatori di sangue italiani e il loro contributo al nostro Sistema sanitario è fondamentale perché consente di garantire, su tutto il territorio nazionale, le terapie trasfusionali, che rientrano nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). La vitale solidarietà dei donatori di sangue rappresenta una testimonianza positiva della capacità della nostra società di allontanare da sé un atteggiamento di globalizzazione dell’indifferenza”.

“L’83% dei donatori italiani dona in maniera periodica, non occasionale - spiega Giancarlo Maria Liumbruno, Direttore del Centro nazionale sangue - Questa fidelizzazione è fondamentale per via del legame molto stretto che esiste tra donazione volontaria, consapevole e non remunerata e qualità del sangue in termini di sicurezza. Grazie ai donatori l’Italia è un Paese autosufficiente già da diversi anni e normalmente esiste una situazione di bilancio positivo tra numero di unità di sangue ed emocomponenti donate e fabbisogno a livello locale. Nel periodo estivo alcune Regioni possono trovarsi in situazioni di carenza ma il Sistema è strutturato in modo tale da garantire la copertura dei bisogni trasfusionali attraverso lo scambio interregionale. È importante sottolineare che il sangue è una risorsa biologica limitata e, nel rispetto dei donatori, è necessaria una forte attenzione non solo agli aspetti produttivi ma anche all’appropriatezza dei consumi e alla gestione delle scorte.”

 

Come ogni anno, nei mesi più caldi, l’emergenza sangue mette a rischio la calendarizzazione degli interventi chirurgici poiché la drastica riduzione delle scorte ematiche costringe gli Ospedali ad un oculato utilizzo del sangue fino a una rinvio degli stessi interventi chirurgici minori.

 

Per questo motivo l’Associazione Donatori Sangue ha dato il via ad una campagna estiva di sensibilizzazione che prevede la presenza di banchetti informativi nelle Piazze e durante gli eventi di maggior affluenza, come concerti, sagre e spettacoli cittadini.

 

L’ADS lancia pertanto un appello alla cittadinanza e agli organi di stampa affinché non ci si dimentichi che i malati non vanno in vacanza, che la solidarietà sociale è indispensabile per sostenere le fasce di popolazione in difficoltà e che ogni contributo, nel rispetto delle normative garanti della salute del donatore e del ricevente, è indispensabile al fine di soddisfare il fabbisogno di sangue necessario a sostenere il nostro stesso territorio.

 

EMERGENZA ESTIVA ,AVVISO URGENTE:   SI SEGNALANO FORTI CERENZE DI SANGUE PER I GRUPPI 0+ 0- A+B- SE SIETE IN BUONA SALUTE E NEI TEMPI IDONEI DA DONAZIONE VENITE A DONARE!!!!

AVVISO IMPORTANTE
SI comunica che, grazie anche alla sollecitazione da parte delle Associazioni e Federazioni dei donatori di sangue della regione, da lunedì 9 maggio 2016 in tutti i centri trasfusionali e unità mobili di raccolta del Friuli Venezia Giulia, i donatori nati, con madre nata o che abbiano soggiornato in centro e sud America SARANNO AMMESSI ALLA DONAZIONE e non saranno sospesi in attesa di essere sottoposti al test Chagas.
Si prega di dare massima diffusione di questa comunicazione a tutti i donatori anche al fine di superare gli spiacevoli equivoci che si sono verificati nelle scorse settimane anche a seguito di indicazioni non coerenti non imputabili alle Associazioni.

AVVISO: l'applicazione dei nuovi decreti trasfusionali sta aumentando il numero di donatori sospesi. In queste ultimi giorni, i tre principali motivi di sospensione sono stati il rischio di aver contratto la Malattia di Chagas, le epatiti pregresse e la convivenza con familiari affetti da epatite.

1) Malattia di Chagas 

- se il donatore è nato in America del sud, centro America, Messico e/o

- se la madre del donatore è nata in America del sud, centro America o Messico o

- se il donatore ha viaggiato anche per brevi periodi e anche per una sola volta, in uno dei paesi dell'America del sud, centro America o Messico

Verrà sospeso temporanemante e sarà sottoposto al test per Malattia di Chagas e potrà tornare a donare quando il risultato negativo sarà disponibile.

2) Epatiti

Se il donatore ha o ha avuto in passato l'epatite virale B o C , dovrà essere escluso definitivamente dalle donazioni.

Se il donatore è convivente con un familiare o altro soggetto affetto o portatore di epatite di tipo B o C, anche se non partner sessuale, dovrà essere sospeso per un periodo di 4 mesi dal termine della convivenza. Tale sospensione si applica anche se il donatore è vaccinato per epatite B.

AVVISO: sul sito www.adstrieste.it su posizione autoemoteca cliccando l'uscita a cui volete partecipare troverete un link d'iscrizione che dovrete compilare per accedere alla donazione. questo sistema permette di inserire preventivamente la vostra anagrafica così da agevolare le procedure dell'inserimento dati durate la donazione in autoemoteca

 

Novità: nell'area download trovate le convenzioni delle nostre ditte amiche con gli sconti per gli associati ADS e in modulistica, il nuovo questionario per la donazione.

Sebbene la Grecia non sia “Zona endemica” per la malaria, alcune sue Regioni sono da considerarsi a rischio. Nel succitato documento si evidenza il potenziale rischio associato alla donazione di sangue ed emocomponenti legato ai viaggiatori di ritorno dalle aree della Grecia - See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria#sthash.XVqqBdNi.dpuf

 

Comunicato Stampa

Il 28 dicembre è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto 2 novembre 2015 "Disposizioni relative ai requisiti di qualità e sicurezza del sangue e degli emocomponenti". Il decreto nasce dall’esigenza di adeguare le disposizioni normative sulla qualità e la sicurezza del sangue e dei suoi prodotti al progresso in ambito scientifico e tecnologico e pertanto sostituisce i precedenti decreti del 3 marzo 2005 “Protocolli per l’accertamento della idoneità del donatore di sangue e di emocomponenti” e “Caratteristiche e modalità per la donazione del sangue e di emocomponenti.

http://www.centronazionalesangue.it/notizie/comunicato-stampa-29-dicembre-2015

http://www.trovanorme.salute.gov.it/norme/dettaglioAtto?id=53728&articolo=37

Sebbene la Grecia non sia “Zona endemica” per la malaria, alcune sue Regioni sono da considerarsi a rischio. Nel succitato documento si evidenza il potenziale rischio associato alla donazione di sangue ed emocomponenti legato ai viaggiatori di ritorno dalle aree della Grecia - See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria#sthash.XVqqBdNi.dpuf
Sebbene la Grecia non sia “Zona endemica” per la malaria, alcune sue Regioni sono da considerarsi a rischio. Nel succitato documento si evidenza il potenziale rischio associato alla donazione di sangue ed emocomponenti legato ai viaggiatori di ritorno dalle aree della Grecia - See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria#sthash.XVqqBdNi.dpu
Sebbene la Grecia non sia “Zona endemica” per la malaria, alcune sue Regioni sono da considerarsi a rischio. Nel succitato documento si evidenza il potenziale rischio associato alla donazione di sangue ed emocomponenti legato ai viaggiatori di ritorno dalle aree della Grecia - See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria#sthash.XVqqBdNi.dp

AVVISI AI DONATORI E AMICI DI FB: In seguito ai problemi riscontrati sul profilo Donatori Sangue in FB abbiamo dovuto modificare Donatori Sangue in Ennio Furlani perché serviva un nome di persona fisica. Stiamo valutando una soluzione alternativa. 

Zika virus: recenti casi di infezione da Zika virus nell’isola di Aruba, nell’isola di Bonaire e nelle isole di Trinidad e Tobago, che si aggiungono alle precedenti comunicazioni che segnalavano la presenza del virus nelle seguenti aree geografiche:

http://www.paho.org/hq/index.php?option=com_topics&view=article&id=427&Itemid=41484&lang=en

Lo Zika virus è un arbovirus appartenente alla Famiglia Flaviviridae, genere Flavivirus, come Febbre Gialla, Dengue e West Nile Virus.
L’infezione decorre in maniera asintomatica o paucisintomatica nella maggior parte dei casi. I sintomi sono rappresentati da: febbricola, congiuntivite, artrite, artralgia transitoria e rash maculopapulare, che compaiono tra i 3 e i 12 giorni dopo la puntura della zanzara vettore e possono durare da 2 a 7 giorni. Le manifestazioni cliniche sono spesso simili a quelle riportate per altre arbovirosi (ad esempio Dengue e Chikungunya). Complicanze (ad es. neurologiche, autoimmuni) sono rare, ma sono state descritte durante focolai di epidemia in Polinesia.

Nell’ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale si raccomanda di applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni per i donatori che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d’infezione.

 

http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-zika-virus-002

Nell’ambito delle misure di prevenzione della trasmissione trasfusionale, si raccomanda di applicare il criterio di sospensione temporanea per 28 giorni per i donatori che abbiano soggiornato nelle aree dove si sono registrati casi autoctoni d’infezione (Brasile, Colombia, Suriname, Indonesia, Capo Verde, Guatemala, El Salvador ed Isole del Pacifico). - See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-zika-virus-001#sthash.eY51GiAS.dpuf

MALARIA:

Nell’ambito delle misure preventive per la sicurezza trasfusionale, si suggerisce di mantenere in essere la sorveglianza anamnestica per i viaggi nelle aree interessate (Prefettura di Trikala, Prefettura di Karditsa, Prefettura di Lakonia, Prefettura di Viotia, Prefettura di Larissa, Prefettura dell'Attica Orientale, in nero nella figura in alto) e limitatamente ai donatori con anamnesi positiva:

  • di sensibilizzare il donatore nel comunicare al Servizio trasfusionale di riferimento la comparsa di febbre di origine sconosciuta successiva alla donazione;
  • di applicare il criterio di sospensione temporanea per 6 mesi qualora non sia possibile l’esecuzione dello specifico test.

Tali indicazioni saranno rivalutate alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica.

- See more at: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria-000#sthash.vAp96xGr.dpuf

 

Nell’ambito delle misure preventive per la sicurezza trasfusionale, si suggerisce di mantenere in essere la sorveglianza anamnestica per i viaggi nelle aree interessate (Prefettura di Trikala, Prefettura di Karditsa, Prefettura di Lakonia, Prefettura di Viotia, Prefettura di Larissa, Prefettura dell'Attica Orientale, in nero nella figura in alto) e limitatamente ai donatori con anamnesi positiva:

 

  • di sensibilizzare il donatore nel comunicare al Servizio trasfusionale di riferimento la comparsa di febbre di origine sconosciuta successiva alla donazione;
  • di applicare il criterio di sospensione temporanea per 6 mesi qualora non sia possibile l’esecuzione dello specifico test.

 

Tali indicazioni saranno rivalutate alla luce dell’evoluzione della situazione epidemiologica.

 

http://www.centronazionalesangue.it/notizie/sorveglianza-malaria-000

WEST NILE VIRUS: http://www.centronazionalesangue.it/notizie/west-nile-virus-stagione-2015

AVVISO AI DONATORI: PER CHI VENISSE A DONARE DI SABATO, VI INFORMIAMO CHE PER ACCEDERE AL CENTRO TRASFUSIONALE SARA' NECESSARIO UTILIZZARE L'ENTRATA PRINCIPALE SITA IN PIAZZA OSPEDALE.

QUANDO E DOVE DONARE?

Da lunedì a sabato presso il Centro Immunotrasfusionale dell'Ospedale Maggiore in via Pietà 2/1 dalle ore 8.00 alle ore 11.00.

DOCUMENTI:

Tessera sanitaria e documento d'Identità

COME?

Presentarsi a digiuno o dopo una leggera colazione. No ai cibi solidi e al latte.

Il prelievo di sangue dura dai 5 ai 10 minuti ed è effettuato con materiale sterile e monouso.
La frequenza tra una donazione e l’altra varia dalle 4 volte l’anno per gli uomini (devono trascorrere 90 giorni) alle due per le donne (180 giorni).

 

 

 

 

 

Il tuo 5 per mille a sostegno dell' Associazione Donatori Sangue

Il contribuente può destinare la quota del 5 per mille della sua imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef), firmando in uno dei cinque appositi riquadri che figurano sui modelli di dichiarazione (Modello Unico PF, Modello 730, ovvero apposita scheda allegata al CUD per tutti coloro che sono dispensati dall’obbligo di presentare la dichiarazione).

Oltre alla firma, il contribuente può indicare il codice fiscale del singolo soggetto cui intende destinare direttamente la quota del 5 per mille. (ad esempio: Associazione Donatori Sangue C.F. 80020890325).
Attenzione: la scelta di destinazione del 5 per mille e quella dell'8 per mille (Legge 222/1985) non sono in alcun modo alternative fra loro.

Leggi tutto...
 

Newsletter

Facebook